lunedì 23 settembre 2013

Miniature Mantic 28mm: Orco su picco innevato



Piccolo diorama con protagonista un orco, in ricognizione,  in scala 28mm (la stessa delle miniature citadel warhammer), prelevato da una confezione da 15 unità della Mantic.
La fattura di queste miniature è molto buona ed il prezzo conveniente (in offerta meno di un euro ciascuna), questa è una delle prime miniature che pitturo…spero che il risultato vi piaccia.





Per la colorazione della miniatura ho usato colori citadel e tamiya.
La basetta è un barattolino di plastica già texturizzato, primerizzato e colorato di flat black tamyia, seguito da un lavaggio di neutral grey sempre tamyia.
La roccia è un pezzo di polistirolo ricoperto con cart+vinavil+stucco, colrato di base con dark sea grey e successivi lavaggi di buff e desert yellow sempre tamiya; per finire un dry brush di neutral grey.



Una volta terminato ho pensato di sperimentare un metodo per avere l’effetto neve scoperto su internet, ossia fare una amalgama di vinavil e bicarbonato alimentare; il tutto è semplicissimo, economico ed allo stesso tempo efficace, a breve lo userò molto spesso.
Buona visione con le foto del wip e del lavoro finito, lasciate commenti con critiche consigli e qualunque suggerimento…
 






venerdì 20 settembre 2013

Nave revell WIP



Posto oggi il WIP di un modellino di nave revell acquistato per pochi euro in rete.
Non ricordo bene la scala, circa 1/1200 o 1/1400, comunque il modello è datato (primi anni 90) ed ha richiesto abbondante uso di stucco per coprire le fessure tra i pezzi.
La nave è lunga poco piu di 10 cm ed alte circa 3 cm




I colori impiegati sono tamiya, flat black, flat red e neutral grey; colorazione di fondo ad aerografo (fengda) e particolari a pennello. Ho usato una tecnica abbastanza piatta perché non ho esperienza con navi e quindi mi sono autolimitato.

La basetta è un pezzo di compensato recuperato a cui è stato incollato uno strato di polistirolo non espanso (scavato per l’alloggiamento della nave); il mare è stato modellato con carta di giornale imbevuta di acqua e vinavil.





Al modello finito è stato passato uno strato di coprente opaco spray, mentre sul mare è stato passato a pennello uno spesso strato di gel acrilico trasparente lucido per avere un leggero effetto acqua.



Per finire manca una cornice introno ai bordi della basetta; a presto con la fine lavori.


mercoledì 11 settembre 2013

Diorama Guntank VS Dom scala 1/144



Pubblico le foto del mio primo diorama in assoluto; anche i modelli sono i primi in assoluto che ho acquistato, montato e (cercato di…) sottoposti a invecchiamento.
E stato un salto nel vuoto, nel senso che mi sono lanciato nell’esperimento senza avere avuto nessuna esperienza di modellismo di alcun tipo, solo alle spalle la lettura di lunghi articoli di giornale e di pagine web visitate.
In effetti, valutando adesso il risultato, dopo aver montato, verniciato e customizzato una quindicina di modelli ed aver realizzato 5 o 6 diorami mi rendo conto di alcuni imperdonabili errori, soprattutto nelle fasi di preparazione.


Comunque di seguito la descrizione dei materiali utilizzati e dei lavori effettuati.
I kit di partenza sono HGUC Bandai in scala 1/144 (alti tra i 10 ed i 18 cm).
La basetta è stata recuperata da scarti di legno compensato, è stata avvolta sui lati da nastrocarta che a sua volta è stato pitturato a bomboletta.
I modelli non sono stati ricolorati, ma piuttosto invecchiato con scalfiture fatta da una fresa montata su di un economico trapanino elettrico; le zone danneggiate/scrostate sono state pitturate con la tecnica della stratificazione di colore, anche se il risultato non è dei migliori.
Il paesaggio è stato fatto con carta di giornale, acqua e colla vinilica, polistirolo non espanso.
Il muretto è un pezzetto di polistirolo sagomato e texturizzato con un saldatore a stagno, la colorazione è avvenuta ad aerografo, ombreggiando e lumeggiando rispettivamente i bordi ed il centro di ciascun blocco.
Anche il terreno ed il mare sono stati pitturati ad aerografo, usando il pennello con un drybrsh per la schiuma sulle onde del mare.
Per la vegetazione ho usato quella tipica dei presepi, non è il massimo ma era l’unica che avevo in casa al momento.
Per i colpi delle armi e le relative scie ho usato come anima della struttura le plastiche sui bordi degli sprue, ricoperti da schiuma isolante monocomponente in bomboletta (pochi euro nei negozi fai da te) sagomata con un legnetto (non usate le dita, diventa un inferno toglierla quando asciuga; inoltre considerate che dopo che l’avete messa lieviterà molto, per cui sagomatela quando sarà quasi secca). In seguito l’effetto fiamme/fumo è stato fatto a pennello. I colpi che si vedono in fondo alla scia sono policaps sagomati da proiettili.
Tutti colori usati sono tamiya, l’aerografo un economicissimo fengda.








Dopo tutti questi passaggi ho avuto la geniale idea, a posteriori, difare una prova di montaggio dell’illuminazione con led; ho provato a crerare una luce nel mirino del bazooka e un alone luminoso intorno ai fumi delle mitragliatrici alle braccia del guntank. Sebbene al buio il risultato sia gradevole, il fatto di aver fatto cavetti elettrici volanti credo abbia rovinato tutto. A breve rimettero mano a questi modelli per togliere l’impianto di illuminazione…magari nel futuro farò la versione 2.0 di questo diroama con le tecniche che ho imparato ultimamente e poi li confronterò